La retinopatia diabetica
Domande e risposte

Non esiste una regola fissa, in quanto la probabilità di sviluppare la retinopatia dipende sia dalla durata del diabete che dall'andamento medio della glicemia negli ultimi due o tre mesi (indicato dai valori di emoglobina glicata). In ogni caso, nel diabete di tipo 2 si consiglia un controllo oculistico al momento della diagnosi. In assenza di particolari segnali d’allarme, il controllo potrà essere ripetuto a intervalli massimi di due anni o più spesso se l'emoglobina glicata è superiore a 9%. Se invece al primo controllo si rilevano segni iniziali di retinopatia, quelli successivi andranno ripetuti annualmente o anche più spesso secondo l'indicazione del medico.
Rispettare questi intervalli è importante, in quanto saltare un controllo o ritardarlo può significare iniziare la terapia in ritardo e quindi avere minori probabilità di successo.