La retinopatia diabetica
Le linee guida
Le linee guida AMD SID riassumono le evidenze scientifiche condivise su ogni aspetto della assistenza alla persona con diabete. Riportiamo una parte delle Raccomandazioni generali relative alla retinopatia diabetica.
  • Ottimizzare il compenso glicemico riduce il rischio e la progressione della retinopatia.
  • Ottimizzare il controllo pressorio riduce il rischio e la progressione della retinopatia.
  • Gli adulti con diabete tipo 1 dovrebbero avere una prima valutazione del fondo oculare in dilatazione, eseguita da un oculista o da un operatore addestrato, entro 3-5 anni dall’insorgenza del diabete.
  • I pazienti con diabete tipo 2 dovrebbero avere una prima valutazione del fundus oculi in dilatazione, eseguita da un oculista o da un operatore addestrato, subito dopo la diagnosi di diabete.
  • I successivi esami, in entrambi i tipi di diabete, dovrebbero essere ripetuti almeno ogni 2 anni.
  • Una valutazione meno frequente può essere presa in considerazione su indicazione di un oculista. Se la retinopatia è in progressione, l’esame dovrà essere effettuato più frequentemente:
    • ogni 2 anni, se la retinopatia diabetica non è presente;
    • ogni anno se è presente una retinopatia diabetica background lieve-moderata;
    • più spesso (3-6 mesi), se si sono manifestate nuove lesioni o se le lesioni sono peggiorate rispetto all’ultimo controllo; in presenza di essudati entro un diametro di disco dalla fovea; qualora il paziente sia ad alto rischio di progressione (rapido miglioramento del controllo glicemico, presenza di ipertensione arteriosa o complicanza renale).
  • Lo screening della retinopatia diabetica può essere eseguito mediante una o più delle seguenti metodiche: oftalmoscopia (diretta e/o indiretta) con pupille dilatate; fotografie a colori o in bianco e nero del fondo oculare.
  • Le donne diabetiche che pianificano una gravidanza dovrebbero essere sottoposte a un esame completo dell’occhio ed essere informate sui rischi dello sviluppo o della progressione della retinopatia diabetica.
  • Le donne diabetiche in gravidanza dovrebbero essere sottoposte a un esame completo alla conferma della gravidanza e al follow-up durante l’intera gravidanza (in assenza di lesioni, almeno ogni 3 mesi fino al parto; in presenza di retinopatia di qualsiasi gravità, a giudizio dell’oculista) e nel primo anno dopo il parto.